DIAZ- Don't Clean Up this Blood

Al vertice del G8 di Genova, un'enorme forza di polizia sta affrontando manifestanti pacifici. La polizia è sempre più sotto pressione perché il blocco autonomo non può essere respinto. La maggior parte dei poliziotti cerca di essere indulgente, ma in alcuni posti ci sono già scontri aperti. Dopo la morte di un manifestante, l'umore continua a scaldarsi e il numero di arresti aumenta. Lo staff del Social Forum sta lavorando duramente per prendersi cura dei detenuti e delle persone scomparse. Mentre una bottiglia colpisce una macchina della polizia, la scuola Diaz, che aveva servito il Social Forum come un campo dormiente per dimostranti e una base per la stampa e il primo soccorso, assalì di notte con immensa brutalità. Molti dei presenti sono spietatamente picchiati e gravemente feriti. Durante la detenzione successiva, ci sono ulteriori attacchi, a cui partecipano anche i superiori.

Protagonisti:

Max von Thun, Lisa Maria Potthoff, Nicholas Ofczarek, Maxi Schafroth, Anna Maria Sturm, Erwin Steinhauer, Michael Kranz: Alfons u.v.m.

 

Direttore: Marcus H. Rosenmüller

Libro: Robert Hültner e Klaus Wolfertstetter

Macchina fotografica: Stefan Biebl

Taglio: Georg Söring

Produzione: Josef Sanktjohanser

Costume: Walter Schwarmeier

Suono: Michael Vetter

Casting: Franziska Aigner

Maschera: Annette Keizer, Waldemar Pokromski, Niciy Axe

Il produttore è stato citato in giudizio: Hans W. Geißendörfer

 

Produttore Moviepool: Ernst Geye